mercoledì 25 marzo 2015

Campioni senza valore, il superintegratore dei record (Mo FARAH)

Il somalo, naturalizzato britannico, Mo FARAH non ha certo bisogno di presentanzioni: basta visionare la sua scheda wikipedia per capire la caratura del personaggio. 


Domenica scorsa nella Lisbon Half Marathon ha migliorato il primato europeo sulla distanza dopo ben 14 anni in una gara in rimonta, beffando nello sprint finale il keniano di turno. Un mese prima aveva ottenuto il record mondiale indoor delle 2 miglia nella Birmingham Indoor Grand Prix


All'indomani del record europeo sono emersi sospetti su un presunto superintegratore, che pari migliori la prestazione fino all'11%! Il suo allenatore Alberto Salazar (ovviamente) smentisce tutto, ma i dubbi circolano già da parecchio tempo, in coincidenza con le vittorie olimpiche e mondiali di Farah. 

Come sono cambiati i tempi. Sono sempre stato dell'idea che per andare forte bastavano "pane, acqua e tanto sudore", o mi sbagliavo?

6 commenti:

Andrea Mancanelli ha detto...

Caro Marco, in attesa che gli esiti degli esami fughino ogni genere di dubbio (ma si faranno?), possiamo tranquillamente affermare che il club di quelli che fanno sport sostenendo i valori e gli ideali olimpici è sempre più esiguo... purtroppo.

Homo Currens ha detto...

Secondo me Farah non avrebbe vinto tutto quello che ha vinto, se si fosse scontrato in pista con un Gebre o un Bekele integri. I suoi personal best all'aperto sono ancora lontani dai record del mondo (paradossalmente, la sua migliore performance e' probabilmente il 3e28 sui 1500). Insomma, non e' un Usain Bolti, per intenderci!

FabioG ha detto...

Mi dispiacerebbe... è triste pensare che per vincere a certi livelli sia indispensabile ricorrere al doping.
Vorrei poter continuare a sognare che mia figlia possa vincere un'olimpiade senza barare...

Marco SANTOZZI ha detto...

Assidui lettori vi rispondo linkando questo articolo: http://www.csenabruzzo.net/cs/index.php?option=com_content&view=article&id=1069:non-si-diventa-re-per-caso&catid=7:notizie&Itemid=109

Forse c'è ancora qualcuno che intende lo sport in maniera pulita.

A presto,
Marco

IlCorsaro ha detto...

ma lo sai che ora il lupo kattywo (schwazer) sarà allenato dal cacciatore (donati)?

Homo Currens ha detto...

Ehi Marco, io la storia di Calcaterra non l'ho capita granche' - ne ho anche scritto sul mio blog, se passi di li' dacci un'occhiata e fammi sapere che ne pensi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...